Loading...

Blog di protesta contro il sistema partitico che sta rovinando la Liguria, blog contro i dilettanti della politica che infestano la nostra Regione...

venerdì 18 marzo 2011

PROGETTO COMUNE PULITO

Cari lettori,

come ben sapete Genova è vicina alle elezioni in quanto nel 2012 i cittadini Genovesi verranno chiamati a votare il Sindaco della città e il Consiglio Comunale.
Non è mia intenzione fare un bilancio sull'attuale Giunta Vincenzi, credo sia inutile buttarsi in discorsi piena di demagogia perchè non credo che il partito che ho votato io sia tanto meglio di quello della Vincenzi anche se era dalla parte opposta. Sono tutti uguali.

A questo giro di rischiamo di veder entrare in Consiglio Comunale persone che non sanno leggere e finti laureati che faranno andare Genova a catafascio, si rischia anche di vedere gente che non ha mai lavorato un giorno facendosi mantenere dai soldi  pubblici che doniamo alle segreterie dei partiti, questo dovrebbe far scattare qualcosa.
Presto inizierò il giro delle segreterie con due righe in cui ogni segretario provinciale rinucia ai  rimborsi elettorali, vediamo in quanti firmeranno, se devo essere sincero sono pessimista.
Il Progetto Comune Pulito non differenzia molto dal Parlamento Pulito promosso da Beppe Grillo, sarò un sognatore ma per la mia città sogno:

1- Un Sindaco che sia LAUREATO e conosca almeno due lingue oltre all'italiano.
2- Massimo di due Legislature per ogni Consigliere Comunale.
3- Nessun Consigliere Comunale, Assessore e Sindaco condannato.
4- Diretta streaming su apposito sito internet di ogni seduta del Consiglio Comunale e di ogni seduta delle Commissioni
5- Abolizione delle doppie cariche: un Consigliere Comunale eletto deve stare in Consiglio Comunale 5 anni (se non per gravi motivi) e non può diventare Parlamentare o dimettersi per "passare di grado".
6- Ogni candidato al ruolo di Sindaco è tenuto a presentare la sua squadra di assessori PRIMA del voto.

Queste son le cose morali.

Vorrei una città nuova, voglio che si normalizzi la politica, non voglio essere come quelli li che han lasciato un partito per farne uno fotocopia con i loro nomi al posto di quelli degli altri, quando sento Bocchino criticare la Lega perchè ha una classe politica Nordcentricamentre lui ha disegnato la Segreteria politica dell partito di cui fa parte con persone solo della provincia di Aversa NOMINATE DA LUI mi fa venire solo una parola: VAFFANCULO!
Siamo davanti a gente così, persone patetiche,e ve lo dice uno che in questi personaggi ci ha creduto, uno che ci ha fato una facciata dentro bella grossa e che sa di quello che parla.
Genova non ha bisogno di tanto:
- Un piano di risparmio energetico efficace, basato sulle energie alternative...SAPETE CHE GRATUITAMENTE SI POSSONO CREARE ENERGIE DALLA RUMENTA E DAL MARE? e che facendo così ci si riuscirebbe ad autoprodurre l'energia da soli pagando una bolletta minima al Comune? e sapete che se non volete pagare manco quella potete montare dei pannelli solari riassorbendo i costi in cinque anni al massimo?
-Un nuovo piano del traffico perchè siamo una delle città più lente del mondo. Bisogna tenere le fermate delle metropolitana che abbiamo e chiuderla li perchè con una semplice monorotaia si risparmia! Non si va più a scavare, andando a rompere le balle ai fiumi sotterranei. Bisogna urgentemente liberalizzare il trasporto pubblico perchè non si possono pagare 100 minuti 1,50€!!! apriamo alla concorrenza contro i taglieggiatori AMT!
-Bisogna far tornare i nostri figli che per anni abbiamo trattato male, penso a Renzo Piano, che è un architetto che ci invidia tutto il mondo e che abbiamo trattato malissimo!!!
-Affidare gli spazi verdi a dei privati facendo diventare la città un giardino.


Queste mie proposte hanno un costo pari a zero e portano solo dei guadagni alla città, e non alle lobbies come oggi...GENOVESI RIFLETTETE!
Non so se qualche partito ascolterà le mie parole, in tal caso sono anche pronto a scendere in campo.

EdWood


Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Tea Party Italia

Il movimento Tea Party Italia ha adottato come suo slogan ufficiale: "Meno tasse, più libertà!". Una formula semplice che tuttavia racchiude tutte le rivendicazioni che intendiamo portare avanti.Ci poniamo innanzitutto contro l'esosa tassazione italiana: quel fisco che diventa un vero e proprio socio invisibile che pretende - e ottiene, sotto la minaccia del ricorso alla forza - oltre il 50% del frutto del nostro lavoro, del nostro impegno e del nostro tempo, rubandoci così la speranza di un futuro in cui vogliamo essere i soli protagonisti delle nostre vite.Chiediamo una riforma fiscale che miri ad un taglio netto delle tasse e che permetta dunque a tutti (lavoratori autonomi e dipendenti) di avere più soldi in tasca a disposizione per scegliere servizi offerti in regime di libero mercato e non imposti dall'alto.Il movimento Tea Party Italia reclama l'autonomia personale e la responabilità individuale di ciascuno: lo stato italiano ci tratta come bambini da educare (se non plagiare), tener buoni e far finta di proteggere. Bambini a cui non è consentita nemmeno la possibilità di provare ad essere responsabili di se stessi, ma che devono essere indirizzati a servizi, ideologie, informazione e istruzione già predefinite.Vogliamo che lo stato ci tratti invece da adulti: vogliamo la libertà di scegliere scuola, e sanità, pensioni e la facoltà di vivere in paese in cui vige la regola del libero mercato e non del clientelismo e dell'apparato.Vogliamo che i nostri successi e i nostri fallimenti siano da imputare esclusivamente a noi stessi e non a qualcuno che vorrebbe governare dall'alto le nostre vite.Noi diffidiamo dallo stato che dice di agire "per il nostro bene", perchè crediamo di essere gli unici a sapere cosa è bene per noi stessi.Vogliamo, in sintesi, più libertà: che spesso si può tradurre in "meno stato" nelle nostre vite. Non un governo migliore, ma un governo che governi meno."Il nostro Progetto di Libertà" - Manifesto dei Tea Party

Video interessanti - DA VEDERE -

Loading...

Che cos' la Rivoluzione Digitale

Con rivoluzione digitale si intende la propagazione a macchia d'olio che hanno avuto i vari prodotti digitali e tutta quella serie di cambiamenti sociali, economici e politici avvenuti in merito all'avvento della digitalizzazione di gran parte degli accessi all'informazione. La rivoluzione digitale, avviata con la nascita del linguaggio binario comune a tutti i media che viene sempre più utilizzato per trasformare i mezzi di comunicazione tradizionali e per crearne di nuovi, ha contribuito a mutare profondamente il concetto di comunicazione. Grazie allo sviluppo di devices interattivi, quali il World Wide Web, digitale terrestre, smartphone, si è assistito alla proliferazione e alla moltiplicazione di canali d'accesso all'informazione che hanno cambiato le modalità in cui avviene l'atto comunicativo. La rivoluzione digitale ha, inoltre, mutato enormemente l'approccio alla cultura, al lavoro e al tempo libero: in tutti gli ambiti della vita sociale è diventata indispensabile e ovvia la digitalizzazione dell'informazione. Non si tratta dunque di un evento tecnologico che fa discutere il mondo della ricerca, ma ormai è un avvenimento che guida la trasformazione della società in tutte le sue forme. Cambia il rapporto tra le persone, modifica la comunicazione tra lo Stato e i cittadini e porta grandi trasformazioni al mondo del lavoro.

La rivoluzione digitale ha come punto di partenza il computer che non è solo principalmente uno strumento per rappresentare in forma statica i dati, ma diventa uno strumento potentissimo per lavorare sull'informazione. La convergenza al digitale (trasformazione dell'informazione in formato digitale) è il fulcro della rivoluzione digitale con cui le informazioni di tipo diverso vengono scritte attraverso lo stesso linguaggio di base (il linguaggio dei bit) e gestite attraverso lo stesso strumento (il computer). La convergenza al digitale (intesa come il progressivo trasferimento verso il formato digitale di tipologie diverse di informazione tradizionalmente collegate a media diversi) rende possibile una integrazione strettissima e totalmente inedita fra codici e linguaggi estremamente lontani tra loro. Questo processo non è da considerare come il frutto automatico di un mero progresso tecnologico; dal momento che esso coinvolge direttamente i modi di rappresentare, scambiare e organizzare l'informazione, la rivoluzione digitale non va intesa come una semplice riformulazione in un linguaggio nuovo di una realtà preesistente: ha forme nuove rese possibili dalla tecnologia, ma è frutto di scelte che non sono né unicamente né principalmente tecnologiche.

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto
Ed Wood è un cinico che non crede più a niente se non al suo lavoro e a qualche persona. Giovanissimo inizia a fare politica e ha peregrinato in vari movimenti in cerca di risposte.Un'esperienza politica traumatica in un movimento di dilettanti lo ha fatti riflettere sul futuro della politica e della sua terra ed è per questo che ha deciso di intraprendere la protesa diigitale in quanto internet, a differenza di televisione, radio e giornali, è veramente libero. Non ci potranno mai imbavagliare!!!

Post più popolari

Cerca nel blog

Powered by Blogger.

Pagine

Visualizzazioni totali