Loading...

Blog di protesta contro il sistema partitico che sta rovinando la Liguria, blog contro i dilettanti della politica che infestano la nostra Regione...

domenica 13 marzo 2011

Le invenzioni distrutte dal Governo Ombra

Una lobby di potere occulto gestisce l'economia mondiale
Decine di invenzioni e scoperte vengono censurate in nome di interessi economici superiori. E dietro queste manovre si celano i servizi segreti del governo ombra americano e la potentissima Commissione per l'Energia Atomica.
Vi siete mai chiesti che fine facciano certe invenzioni straordinarie, la cui messa in produzione potrebbe radicalmente cambiare la nostra economia? Ebbene, molti di questi progetti vengono sovente acquistati da quelle stesse ditte i cui interessi rischiano di essere minacciati, ed infine distrutti. Innumerevoli volte la stampa ci ha proposto l'esistenza di vetture ad acqua o ad energia elettrica, in grado di soppiantare i velivoli a benzina. Chi scrive ha avuto modo di toccare con mano, nel giugno del 1990, un'auto elettrica che non inquinava e non costava.
Funzionava alla perfezione, ma la sua messa in produzione, ci fu detto, contrastava con gli interessi dei costruttori di automobili tradizionali, come pure delle multinazionali arabo-americane che fatturano migliaia di miliardi vendendoci la benzina.
E difatti di questo e di altri progetti, nel giro di pochi mesi, non se ne ebbe più traccia. L'ultimo è stato presentato a marzo a Napoli; si trattava di una Seicento a trazione termica, elettrica, ribattezzata Athena. Un prototipo che, ne siamo certi, non avrà vita lunga, come già è successo a tutti quelli che l'hanno preceduto.
SCOMPARSI NEL NULLA
E che fine hanno fatto gli studi di Martin Fleischmann e Stanley Pons, che nel marzo del 1990 avevano dichiarato di avere realizzato la fusione fredda con il palladio (esperimento ripetuto con successo presso il laboratorio italiano di Frascati), scoprendo così una forma di energia assolutamente non inquinante, che avrebbe però costretto molte multinazionali ad abbandonare il redditizio nucleare?
Anche di questi esperimenti non si è saputo più nulla. Non solo. Nell'ottobre di quell'anno Pons mise in vendita la propria casa ed in seguito fece perdere le proprie tracce. Perché? Era stato forse minacciato da qualcuno?
La risposta a questi quesiti è sin troppo scontata. Le grandi ditte, le holding, le multinazionali, le "sette sorelle petrolifere" impediscono con qualsiasi mezzo che scoperte innovative possano rendere superate macchine e strumenti da loro commercializzate. Un noto inventore e sensitivo italiano, Marcello Creti, ebbe a dichiarare negli anni Settanta di avere costruito un lamarasoio "eterno", cioè la cui lama non si sarebbe mai usurata. Quel brevetto fu acquistato, e distrutto, da una nota casa produttrice di rasoi, che temeva di perdere mercato. Finché i rasoi si rompevano, si disse, era possibile venderne degli altri e dunque guadagnare. Un rasoio indistruttibile avrebbe fatto fallire all'istante tutte le ditte produttrici.
Attualmente esistono anche migliaia di invenzioni 'in cantiere', non realizzate o non immesse sul mercato, se non prima che si esauriscano le scorte delle merci già disponibili. Chi lavora nel campo informatico sa già che esistono computer mille volte più potenti dei personal in commercio. Ma le ditte costruttrici aspettano di terminare le vecchie scorte, per non restare con del materiale invenduto.
Quanto ai brevetti futuristici, ve ne sono a iosa. La giapponese Sony ha costruito dei cuccioli robot in grado di sostituire egregiamente i nostri compagni, cani e gatti, in carne e ossa; a Singapore la Polt Technic ha realizzato un'automobile ad energia solare, molto simile ad un disco volante a tre ruote; l'americana Flying Contraptions ha invece messo a punto un vero e proprio UFO monoposto, ma chi oserà sfidare il predominio delle società costruttrici di costosissimi aerei?
Molte di queste società, come la Loocked americana, lavorano poi per i servizi segreti e la Difesa statunitensi. E dietro molte di esse vi è la temibile AEC, la Commissione Americana per l'Energia Atomica, che da 50 anni fa il bello ed il cattivo tempo sul pianeta con la gestione del nucleare.
ATOMIC ENERGY COMMISSION
L'AEC controlla che non vengano messe a punto invenzioni che possano alterare lo status quo, mettendo in crisi il proprio potere; chi si oppone a questo colosso viene brutalmente messo in disparte. É quanto è accaduto nel 1954, quando il celebre scienziato nucleare Robert Oppenheimer si dissociò dalla corsa agli armamenti, dalla guerra fredda e dalle ricerche atomiche. Il fisico finì sotto processo e a denunziarlo fu proprio uno dei pezzi grossi dell'AEC, l'ungherese
Edward Teller, l'inventore della bomba H e ideatore della base supersegreta Area 51 nel deserto del Nevada (ove si dice vangano testati gli Stealth ma anche degli UFO recuperati). Oppenheimer, resosi conto del pericolo del nucleare era improvvisamente diventato un acceso sostenitore della messa al bando degli ordigni atomici. Si diceva che quando venne testata la prima bomba atomica, egli rimase chiuso in camera da letto, leggendo dei passi del testo sacro indù Bhagavad-Gita. Finì sotto processo nel 1954. Della commissione che lo condannò, la Gray Commission, faceva parte un tale Gordon Gray, 'assistente speciale' del presidente Eisenhower e membro di un governo ombra detto Majestic 12. Resosi conto, da vero umanitarista, del pericolo che una politica basata sulla forza del nucleare avrebbe rappresentato per la libertà dei popoli, Oppenheimer si oppose all'ala militarista della CIA, che intendeva invece mantenere saldamente il controllo del pianeta. Venne condannato. La sua condanna non fu affatto giusta o casuale; fu un atto di forza verso tutti gli scienziati dissidenti pacifisti, all'indomani di una scoperta dalle applicazioni belliche eccezionali, che avrebbe potuto regalare il pianeta al governo ombra. Come scrisse il Corriere della Sera il 10 luglio 1954, in quei giorni "venne accertata l'esistenza, in una particella nucleare, di un'energia di diecimila bilioni di volts". Si trattava della scoperta di un'energia che avrebbe potuto radere al suolo intere città (russe). "La sensazionale scoperta annunciata a Seattle. La particella nucleare catturata nel Texas potrà contribuire alle ricerche sui raggi cosmici. Padre della scoperta è il dottor Marcel Schein dell'Università di Chicago, che ha immediatamente attirato su di sé l'attenzione di due padri della bomba atomica, Enrico Fermi e Bruno Rossi, quest'ultimo insegnante al MIT di Princeton".
REGIE OCCULTE DEL GOVERNO OMBRA
La scoperta di questa nuova fonte di energia schiudeva possibilità illimitate ai militari americani. E difatti ecco riattivarsi alcuni personaggi che i nostri lettori hanno ripetutamente incontrato nelle colonne di questo giornale, come appartenenti al governo ombra. Tornò così in scena il dottor Detlev Bronk (di lui si seppe in seguito che partecipò al recupero di un disco volante caduto a Roswell e all'autopsia, filmata, di un alieno); Bronk diventò improvvisamente direttore della Commissione degli Stati Uniti per l'Energia Atomica. Grazie a questa improvvisa 'promozione', il governo ombra riuscì a mettere le mani su tutti i laboratori che sperimentavano sul nucleare. Tutti gli scienziati pacifisti dissidenti vennero messi al bando dal senatore McCarthy ed accusati di essere dei comunisti; gli altri preferirono allinearsi al regime, per non incappare nella 'caccia alle streghe'. E l'America divenne a tutti gli effetti una potenza nucleare. In quegli stessi giorni il Corriere della Sera scrisse: "Oppenheimer ha dichiarato che intende riprendere i suoi studi di fisica teorica. Il New York Times pubblica anche un'intervista con Edward Teller, il celebre Mister Bomb, che ebbe notevoli contrasti con Oppenheimer a proposito della bomba all'idrogeno e la cui testimonianza di fronte alla Commissione Gray fu critica nei confronti di varie posizioni assunte da Oppenheimer. Teller ha detto che la corsa agli armamenti è stata molto serrata e che gli Stati Uniti non sarebbero riusciti ad avere la bomba se i fisici americani non si fossero potuti giovare di uno speciale e perfezionassimo calcolatore elettronico elaborato dal professor Von Neumann, dell'Istituto di Princeton, proprio tra il 1951 ed il 1952".
UFO ED ENERGIA ATOMICA
L'AEC venne anche coinvolta nello studio sui dischi volanti; si voleva capire in quale modo funzionassero i misteriosi UFO, e come fosse possibile convertire questa scoperta in un'arma di guerra, magari costruendo dei caccia con le stesse potenzialità degli UFO. Lo dimostra un documento top secret poi declassificato, un rapporto 'X-files' inviato da un agente di New Haven all'FBI, il 18 luglio del '47. Nel testo, un agente dislocato a Stanford riferiva di una conversazione con un fisico del Cyanamid Research del Connecticut, convinto che i dischi fossero armi segrete russe, il cui segreto andava carpito a tutti i costi. Lo scienziato aveva notato che la questione degli UFO metteva in allarme molti colleghi; egli stesso si dichiarava testimone di diversi avvistamenti in Italia, occorsi quando si trovava presso gli osservatori astronomici di Milano e di Bologna. "Secondo me", dichiarava lo scienziato, "i dischi volanti sono bombe batteriologiche o atomiche radiocontrollate e dirette al suolo su qualche bersaglio designato su specifico desiderio dell'agenzia o del Paese che produce le bombe. Ho notato che i dischi sono stato osservati a Mexico City, New Orleans, Philadelphia, New York, Boston, Halifax, Newfoundland, Parigi, Milano, Bologna e in Iugoslavia e in Albania. Mettendo una corda attorno al globo terrestre ci si accorge che tutte le città sopra menzionate formano un'orbita diretta o un cerchio attorno alla Terra e possono essere più o meno in linea con qualche traiettoria che i dischi possono percorrere. Dovremo costruire a Gleenbrook, Connecticut, un grande e potente telescopio da usare per la ricerca di queste bombe atomiche nella stratosfera".
La tesi dello scienziato, il cui nome è stato censurato dai documenti declassificati, colpì molto l'AEC e uno dei suoi scienziati, il dottor J.C. Mackenzie, segretario dell'organizzazione e presidente del National Research Council, ebbe un giorno a dichiarare sugli UFO: "Sembra fantastico che possano esistere delle cose del genere. Io stesso ne ho avvistato uno su North Bay, il 10 gennaio 1952, vicino ad una base dell'Aeronautica. Dapprima, la tentazione è stata di dire che era tutto un controsenso, un'illusione ottica. Ma ci sono stati tanti resoconti di osservatori responsabili che non possono essere ignorati. Mi sembra difficile che tutti questi racconti possano essere dovuti ad illusioni ottiche".
L'AEC studiò dunque anche i dischi volanti. Ne abbiamo le prove; se ne interessò sin dall'epoca del caso Roswell (la caduta di un disco volante nel deserto del Nuovo Messico); il segretario dell'organizzazione David Lilienthal dichiarò agli americani impauriti che gli UFO non avevano nulla a che fare con i loro esperimenti atomici. L'organizzazione fu poi stata coinvolta pubblicamente in altre due occasioni: nell'agosto del 1951 a Lubbock una formazione a V di UFO venne scorta da diversi testimoni, compreso un professore che lavorava alla Sandia Corporation per conto dell'AEC, con l'autorizzazione Q (uno dei gradi più elevati di segreto, l'unico ammesso per entrare nell'Area 51). E nel 1957, quando l'associazione ufologica APRO recuperò il frammento di un presunto disco volante esploso ad Ubatuba, Brasile, il 15 settembre, e commissionò le indagini di laboratorio proprio all'AEC. In seguito si disse che i frammenti, che risultavano contenere leghe sconosciute sulla Terra, andarono perduti; l'APRO ricevette minacce dai servizi segreti brasiliani e agli ufologi venne imposto il silenzio. L'AEC studiò i dischi volanti, dicevamo. Non risulta che sia riuscita a carpirne il segreto, per fortuna. C'è riuscita invece con l'energia atomica, con i risultati che conosciamo.




1 commento:

  1. excellent articles, useful for me. keep writing and happy blogging.

    online pharmacy

    RispondiElimina

Post più popolari

Tea Party Italia

Il movimento Tea Party Italia ha adottato come suo slogan ufficiale: "Meno tasse, più libertà!". Una formula semplice che tuttavia racchiude tutte le rivendicazioni che intendiamo portare avanti.Ci poniamo innanzitutto contro l'esosa tassazione italiana: quel fisco che diventa un vero e proprio socio invisibile che pretende - e ottiene, sotto la minaccia del ricorso alla forza - oltre il 50% del frutto del nostro lavoro, del nostro impegno e del nostro tempo, rubandoci così la speranza di un futuro in cui vogliamo essere i soli protagonisti delle nostre vite.Chiediamo una riforma fiscale che miri ad un taglio netto delle tasse e che permetta dunque a tutti (lavoratori autonomi e dipendenti) di avere più soldi in tasca a disposizione per scegliere servizi offerti in regime di libero mercato e non imposti dall'alto.Il movimento Tea Party Italia reclama l'autonomia personale e la responabilità individuale di ciascuno: lo stato italiano ci tratta come bambini da educare (se non plagiare), tener buoni e far finta di proteggere. Bambini a cui non è consentita nemmeno la possibilità di provare ad essere responsabili di se stessi, ma che devono essere indirizzati a servizi, ideologie, informazione e istruzione già predefinite.Vogliamo che lo stato ci tratti invece da adulti: vogliamo la libertà di scegliere scuola, e sanità, pensioni e la facoltà di vivere in paese in cui vige la regola del libero mercato e non del clientelismo e dell'apparato.Vogliamo che i nostri successi e i nostri fallimenti siano da imputare esclusivamente a noi stessi e non a qualcuno che vorrebbe governare dall'alto le nostre vite.Noi diffidiamo dallo stato che dice di agire "per il nostro bene", perchè crediamo di essere gli unici a sapere cosa è bene per noi stessi.Vogliamo, in sintesi, più libertà: che spesso si può tradurre in "meno stato" nelle nostre vite. Non un governo migliore, ma un governo che governi meno."Il nostro Progetto di Libertà" - Manifesto dei Tea Party

Video interessanti - DA VEDERE -

Loading...

Che cos' la Rivoluzione Digitale

Con rivoluzione digitale si intende la propagazione a macchia d'olio che hanno avuto i vari prodotti digitali e tutta quella serie di cambiamenti sociali, economici e politici avvenuti in merito all'avvento della digitalizzazione di gran parte degli accessi all'informazione. La rivoluzione digitale, avviata con la nascita del linguaggio binario comune a tutti i media che viene sempre più utilizzato per trasformare i mezzi di comunicazione tradizionali e per crearne di nuovi, ha contribuito a mutare profondamente il concetto di comunicazione. Grazie allo sviluppo di devices interattivi, quali il World Wide Web, digitale terrestre, smartphone, si è assistito alla proliferazione e alla moltiplicazione di canali d'accesso all'informazione che hanno cambiato le modalità in cui avviene l'atto comunicativo. La rivoluzione digitale ha, inoltre, mutato enormemente l'approccio alla cultura, al lavoro e al tempo libero: in tutti gli ambiti della vita sociale è diventata indispensabile e ovvia la digitalizzazione dell'informazione. Non si tratta dunque di un evento tecnologico che fa discutere il mondo della ricerca, ma ormai è un avvenimento che guida la trasformazione della società in tutte le sue forme. Cambia il rapporto tra le persone, modifica la comunicazione tra lo Stato e i cittadini e porta grandi trasformazioni al mondo del lavoro.

La rivoluzione digitale ha come punto di partenza il computer che non è solo principalmente uno strumento per rappresentare in forma statica i dati, ma diventa uno strumento potentissimo per lavorare sull'informazione. La convergenza al digitale (trasformazione dell'informazione in formato digitale) è il fulcro della rivoluzione digitale con cui le informazioni di tipo diverso vengono scritte attraverso lo stesso linguaggio di base (il linguaggio dei bit) e gestite attraverso lo stesso strumento (il computer). La convergenza al digitale (intesa come il progressivo trasferimento verso il formato digitale di tipologie diverse di informazione tradizionalmente collegate a media diversi) rende possibile una integrazione strettissima e totalmente inedita fra codici e linguaggi estremamente lontani tra loro. Questo processo non è da considerare come il frutto automatico di un mero progresso tecnologico; dal momento che esso coinvolge direttamente i modi di rappresentare, scambiare e organizzare l'informazione, la rivoluzione digitale non va intesa come una semplice riformulazione in un linguaggio nuovo di una realtà preesistente: ha forme nuove rese possibili dalla tecnologia, ma è frutto di scelte che non sono né unicamente né principalmente tecnologiche.

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto
Ed Wood è un cinico che non crede più a niente se non al suo lavoro e a qualche persona. Giovanissimo inizia a fare politica e ha peregrinato in vari movimenti in cerca di risposte.Un'esperienza politica traumatica in un movimento di dilettanti lo ha fatti riflettere sul futuro della politica e della sua terra ed è per questo che ha deciso di intraprendere la protesa diigitale in quanto internet, a differenza di televisione, radio e giornali, è veramente libero. Non ci potranno mai imbavagliare!!!

Post più popolari

Cerca nel blog

Powered by Blogger.

Pagine

Visualizzazioni totali